Mantova, 23 maggio 2020

A tutti i docenti
Ai genitori e agli alunni delle classi terze Bertazzolo Al personale ATA
Alla DSGA
Al sito web

Oggetto: Ordinanze Ministero dell’Istruzione n. 9 e n. 11 del 16-05-2020 Disposizioni svolgimento Esami di Stato Primo Ciclo

Si comunicano alle S.S.L.L. alcune indicazioni relative a quanto in oggetto:

  • Ordinanza concernente la valutazione finale degli alunni per l’anno scolastico 2019/2020 e prime disposizioni per il recupero degli apprendimenti (n. 11 del 16-05-2020);

  • Ordinanza concernente gli esami di Stato nel primo ciclo di istruzione per l’anno scolastico2019/2020 (n. 9 del 16-05-2020)

La cornice normativa di riferimento delle Ordinanze è essenzialmente costituita:

  • Dalla LEGGE 24 aprile 2020, n. 27 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, recante misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, art. 87 comma 3-ter. La valutazione degli apprendimenti, periodica e finale, oggetto dell’attività didattica svolta in presenza o svolta a distanza a seguito dell’emergenza da COVID-19 e fino alla data di cessazione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri il 31 gennaio 2020, e comunque per l’anno scolastico 2019/2020, produce gli stessi effetti delle attività previste per le istituzioni scolastiche del primo ciclo dal decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 62, e per le istituzioni scolastiche del secondo ciclo dall’articolo 4 del regolamento di cui al decreto del Presidentedella Repubblica 22 giugno 2009, n. 122, e dal decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 62;
  • Dal DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 22 Misure urgenti sulla regolare conclusione e l’ordinato avvio dell’anno scolastico e sullo svolgimento degli esami di Stato. (20G00042) (GU n.93 del 8-4- 2020), in particolare l’art. 2 comma 3. In corrispondenza della sospensione delle attività didattiche in presenza a seguito dell’emergenza epidemiologica, il personale docente assicura comunque le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a disposizione. Le prestazioni lavorative e gli adempimenti connessi dei dirigenti scolastici nonché del personale scolastico, come determinati dal quadro contrattuale e normativo vigente, fermo restando quanto stabilito al primo periodo e all’articolo 87 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, possono svolgersi nelle modalità del lavoro agile anche attraverso apparecchiature informatiche e collegamenti telefonici e telematici, per contenere ogni diffusione del contagio;
  • Dalla Nota 388 del 17-03-2020.

L’Ordinanza concernente la valutazione degli esiti finali di apprendimento degli alunni frequentanti le classi del primo ciclo di istruzione per l’a.s. 2019-2020 identifica sostanzialmente le seguenti azioni ed i seguenti soggetti, attività e documenti (a seguito dell’intervenuta modalità di didattica a distanza, imposta dalla contingenza sanitaria interazionale) da predisporre:

  • Le riunioni collegiali previste dall’ordinanza si svolgono in modalità a distanza.

I Docenti contitolari della classe o del Consiglio di Classe:

  • aggiornano le progettazioni rimodulandone obiettivi di apprendimento, i mezzi, gli strumenti e le metodologie, e individuano per ciascuna disciplina i nuclei fondamentali e gli obiettivi di apprendimento non affrontati o che necessitano di approfondimento da conseguire attraverso il piano di integrazione degli apprendimenti (PIA);

  • valutano gli alunni sulla base dell’attività precedentemente svolta in presenza e a distanza sulla base delle modalità deliberate dal Collegio dei Docenti;

  • riportano nel verbale di scrutinio finale e nel documento di valutazione gli alunni ammessi alla classe successiva in presenza di votazioni inferiori a 6/10 o comunque di livelli di apprendimento non adeguatamente consolidati;

  • certificano le competenze conseguite.

  • Il Consiglio di classe :
  • predispone il piano di apprendimento individualizzato (PAI) in cui sono indicati per ciascuna disciplina gli obiettivi di apprendimento da conseguire o da consolidare, nonché le specifiche strategie per il raggiungimento dei relativi livelli di apprendimento, e lo allega al documento di valutazione finale; tale piano di apprendimento individualizzato (PAI), relativo agli alunni ammessi alla classe successiva in presenza di valutazione inferiore a 6/10, viene redatto per tutti gli alunni ammessi ancorché insufficienti, tranne che per gli alunni delle classi di passaggio (5° primaria e 3° secondaria);

  • predispone il piano di integrazione degli apprendimenti (PIA) che, insieme al piano di apprendimento individualizzato (PAI), costituisce una nuova progettazione di inizio anno (da proseguire eventualmente per tutto l’anno 20-21), dunque attività didattica ordinaria da realizzare attraverso l’organico dell’autonomia, adottando ogni forma di flessibilità didattica ed organizzativa e facendo convergere sul prioritario sostegno degli apprendimenti le iniziative progettuali;

  • valuta il comportamento tenuto dagli alunni (sia nella didattica in presenza che a distanza);

  • nei casi in cui non sia in possesso di alcun elemento valutativo relativo all’alunno per cause non imputabili alle difficoltà legate alla disponibilità di apparecchiature tecnologiche o alla connettività di rete, bensì a situazioni di mancata o sporadica frequenza delle attività didattiche, già perduranti ed opportunamente verbalizzate per il primo periodo didattico, può non ammettere alla classe successiva.

Particolari disposizioni per alunni con bisogni educativi speciali:

  • L. 104/92: per gli alunni con disabilità certificata, procede alla valutazione sulla base del PEI (come adattato sulla base delle disposizioni impartite per affrontare l’emergenza epidemiologica), il quale viene integrato, ove necessario, dal piano di apprendimento individualizzato (PAI);

  • L. 170/2010: per i DSA/BES procede alla valutazione sulla base del PDP (come adattato sulla base delle disposizioni impartite per affrontare l’emergenza epidemiologica), il quale viene integrato ove necessario dal piano di apprendimento individualizzato (PAI).

Il Collegio dei Docenti:

  • integra i criteri di valutazione degli apprendimenti e del comportamento degli alunni già presente nel PTOF e ne dà comunicazione alle famiglie attraverso il sito (che vale come integrazione pro-tempore al PTOF).

L’Ordinanza concernente gli esami di Stato conclusivo del primo ciclo di Istruzione per l’as 2019-2020 (ai sensi dell’art. 1 comma 1 e comma 4 lettera b) del DL 8 Aprile 2020 n.22, le cui modalità di espletamento avvengono in deroga agli articolo 8 e 10 del DL 13 aprile 2017 n. 62) coincide con la valutazione finale da parte del Consiglio di Classe, e identifica sostanzialmente le seguenti azioni ed i seguenti soggetti, attività e documenti (a seguito dell’intervenuta modalità di didattica a distanza, imposta dalla contingenza sanitaria interazionale) da predisporre:

Ciascun alunno delle classi Terze delle scuole secondarie di primo grado:

  • realizza un elaborato originale e coerente con la tematica assegnatagli, che prevede la trattazione integrata di più discipline;

  • trasmette al Consiglio di Classe in modalità telematica entro il 6 giugno 2020, prima della esposizione, un elaborato (testo scritto, presentazione multimediale, mappa o insieme di mappe, produzione artistica) inerente una tematica concordata coi docenti del Consiglio di Classe;

  • espone l’elaborato in modalità telematica, secondo i tempi previsti e comunicati dal Consiglio di Classe, e comunque entro lo scrutinio finale (non oltre il 30 giugno).

Il Consiglio di Classe:

  • individua per ciascun alunno delle classi Terze delle scuole secondarie di primo grado una tematica, tenendo conto delle caratteristiche personali e dei livelli di competenza dell’alunno stesso, ma che metta in evidenza le conoscenze, le abilità e le competenze correlate ai traguardi di competenza previsti dalle Indicazioni Nazionali del Primo Ciclo;

  • dispone un momento di presentazione orale dell’elaborato da parte di ciascun alunno davanti ai docenti del Consiglio di classe, entro la data dello scrutinio finale;

  • in sede di valutazione finale (che Coincide con l’Esame di Stato conclusivo del primo ciclo), tiene conto dell’elaborato prodotto dall’alunno (trasmesso e presentato), ed attribuisce il voto finale; in caso di impossibilità dell’alunno a svolgere la presentazione orale entro i termini previsti, procede comunque alla valutazione dell’elaborato inviato dall’alunno;

  • valuta l’elaborato e la presentazione del medesimo in decimi; allorché la valutazione sia pari e/o superiore a 6/10si ritiene superato l’esame conclusivo del primo ciclo di istruzione;

  • redige la certificazione delle competenze.

La valutazione finale tiene conto dell’elaborato e degli altri elementi previsti (scrutinio delle singole discipline, elaborato e percorso triennale) in una dimensione complessiva sulla base dell’autonomo discernimento del consiglio di classe.

Particolari disposizioni per alunni con bisogni educativi speciali (DVA e/o DSA):

  • l’assegnazione dell’elaborato e la valutazione finale sono condotte sulla base del PEI e del PDP.

Il Dirigente Scolastico:

  • dispone lo svolgimento delle presentazioni orali in videoconferenza o in idonea modalità telematica sincrona, secondo un calendario (concordato con il coordinatore delle attività didattiche e sentiti i consigli di classe),assicurandone la regolarità, attraverso l’utilizzo degli strumenti tecnici più idonei;

  • dispone, ove è richiesto, la possibilità di espletare lo svolgimento degli esami in presenza (Rivolto alle famiglie non dotate di strumenti di connessione e di dispositivi adeguati).

  • prevede una presentazione in data successiva e comunque entro la data dello scrutinio finale della classe (in caso di assenza dello studente per gravi e documentati motivi);

  • rende pubblici i risultati, mediante l’affissione all’albo della scuola non facendo menzione delle eventuali modalità di svolgimento degli esami degli alunni con disabilità o con DSA.

CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

VALUTAZION FINALE DELL’ALUNNO

DA PARTE DEL CdC IN SEDE DI SCRUTINIO (IN DECIMI, CON LODE)

La valutazione finale tiene conto dell’elaborato e degli altri elementi previsti (scrutinio delle singole discipline, elaborato e percorso triennale) in una dimensione complessiva sulla base dell’autonomo discernimento del consiglio di classe.

(le valutazioni sono riportate sia nel verbale di scrutinio, sia nel documento di valutazione A.S. 2019/20)

VALUTAZIONE DELL’ATTIVITA’ DIDATTICA EFFETTIVAMENTE SVOLTA (in

presenza e a distanza) RELATIVAMENTE ALLE SINGOLE DISCIPLINE;

VALUTAZIONE DELL’ELABORATO:

  • PRODOTTO

  • PRESENTAZIONE ORALE

VALUTAZIONE DEL PERCORSO SCOLASTICO TRIENNALE

(valutazione unanime del CdC per attribuzione della lode)

Allegati:

  1. Ordinanza concernente la valutazione finale degli alunni per l’anno scolastico 2019/2020 e prime disposizioni per il recupero degli apprendimenti (n. 11 del 16-05-2020);

  2. Ordinanza concernente gli esami di Stato nel primo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020 (n. 9 del 16-05-2020)

 

La Dirigente Scolastica

Prof.ssa Maria Cafiso
Firma autografa sostituita a mezzo stampa
ai sensi dell’art.3 c.2 del Dlgs. n.39/93

logoIstituto Comprensivo 3

Ufficio Relazioni Pubblico

Via della Conciliazione, 75
46100 Mantova
Tel.: +39 0376 32 64 96
Fax: +39 0376 36 05 86
Mail: MNIC83600P@istruzione.it
PEC: MNIC83600P@pec.istruzione.it
Codice Meccanografico: MNIC83600P
Codice Fiscale: 93019030209
Fatturazione Elettronica: UFY315

© 2018 Argo Software - Portale realizzato con la piattaforma Argo Web - Template Italia configurato sul tema accessibile EduTheme V.2.0.0